mercoledì 22 febbraio 2012

Non mi lasciavano parlare...


Avevo avuto quell’idea brillante al lavoro: raccontarci fra colleghi i lavori fatti, per avere spunti per altri lavori e nuove idee. Doveva essere una cosa informale, ma l’idea è piaciuta e allora hanno fatto una sorta di convegno molto formale, con un sacco di gente importante, rappresentanti di istituzioni e anche del governo.
Eravamo tutti seduti attorno a questo tavolo enorme e lungo lungo, a turno ognuno si alzava e faceva la sua presentazione, anzi no, si parlava addosso dicendo cose infinitamente noiose e che non interessavano a nessuno. 
E io ero lì che volevo dire la mia, ma nessuno mi lasciava parlare, c’era sempre uno più importante che prendeva la parola prima di me.
Poi finalmente arriva il mio turno, inizio a parlare di cose interessantissime, le persone iniziano addirittura a farmi domande (per inciso, agli altri non le facevano), sto per rispondere ma ecco che suona un campanello, la sala viene invasa da una marea di gente che esce da uffici vari, tipo uscita dalle fabbriche tanto per intenderci. Anche la gente che era al tavolo e mi stava ascoltando a questo punto si alza e se ne va, senza più guardarmi, come se io non esistessi più, o forse come se non fossi mai esistita.
E io rimango lì piedi, con una frase interrotta a metà, a guardarli che se ne vanno...


33 commenti:

  1. Risposte
    1. certo, mica sono una complicata, io

      Elimina
  2. Risposte
    1. il sogno l'avevo fatto di mattina :)

      Elimina
  3. Risposte
    1. temo proprio di no. anzi, non temo. ne ho la certezza.

      Elimina
  4. direi che è un sogno assai esplicativo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. self-explaining, per dirla da fighi?

      Elimina
  5. > si parlava addosso dicendo cose infinitamente noiose e che non interessavano a nessuno

    Beh, più che onirico mi sembra realtà abbastanza frequente.

    RispondiElimina
  6. A me capita di continuo, anche nella realtà! ;-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nella realtà spesso non ci provo nemmeno, a parlare

      Elimina
  7. Piccola....non e' niente. suvvia.

    RispondiElimina
  8. una specie di coitus interruptus.

    RispondiElimina
  9. "c'era sempre qualcuno più importante prima di me"
    secondo me è da qui che devi cominciare a risognarlo per cambiare il finale!
    sogni d'oro isi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "cera sempre qualcuno che si credeva di essere più importante di me". così va meglio?

      Elimina
  10. senti, per caso qualcuno applaudiva?

    RispondiElimina
  11. ciao isi!!!!! mi permetto di seguirti un pò stef

    RispondiElimina
  12. Se è un sogno è talmente verosimile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì sì, era un sogno. però mi sono svegliata pensando che fosse realtà.

      Elimina
  13. ... e penso: meglio perderli che trovarli
    ciao la isi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. al solito, mi trovo d'accordo con te.

      Elimina
  14. Ti hanno telefonato mentre mangiavi, la sera prima del sogno? Questo rimetterebbe in chiaro le cose....

    RispondiElimina
  15. leggevo e pensavo "ma questo è un incubo!"
    poi ho letto il tag.
    assicurati, quando organizzerai sto convegno, di parlare per terza, non prima, non dopo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il bello del sogno è che, nella realtà, non ho da organizzare niente.

      Elimina
  16. ...ti hanno rubato qualche buona idea?
    ...oppure sei tra quelle persone ingenue che quando scoprono qualche cosa lo condividono con gli altri senza mai prenderne il minimo merito?.
    penso che un sogno del genere lo avrei potuto fare anche io...
    :-)))

    RispondiElimina
  17. Un sogno che rispecchia di certo la realtà dei fatti.
    Catartico direi. Dovresti riprenderlo dal momento del suono della capanella, così finisic il discorso.
    Poi starai meglio e prenderai a sognare d'altro, in modo da lasciare "FUORI" l'ufficio.
    Capehorn

    RispondiElimina