martedì 27 dicembre 2011

sì, lo ammetto

quando qualcuno non solo cucina per me, ma mi impartisce ordini in tono perentorio (oh, non si pensi male, tipo "sbuccia l'aglio"), e poi oltretutto ha da ridire perché lo faccio male... sì, mi piace.
perché una volta tanto posso eseguire senza dover pensare.

(che sono tempi, questi, in ci si accontenta di poco)

sabato 24 dicembre 2011

And so this is Christmas...






(sì, lo so che il video è dell'anno scorso ma, tant'è, Natale è sempre Natale)
Auguri a tutti!

martedì 20 dicembre 2011

Imperdibile

Miracolo a Le Havre, di Aki Kaurismaki

Non sono capace di fare la recensione.
Però, ecco: da vedere assolutamente.
Se non altro perché, fotografia impeccabile a parte, attori impeccabili a parte, esci con la sensazione che sì, le persone buone e corrette e umane esistono ancora.


venerdì 16 dicembre 2011

domenica 11 dicembre 2011

L’urlo

Oh, non quello di Munch. Il mio. Quello che ho lanciato l’altro giorno, appena arrivati in alto.
Una salitina da niente, ma ero sfiancata, ero ansiosa, avevo le vertigini, mi girava la testa, insomma una ciofeca. E poi avevo avuto paura, maledizione, che quando mi prende ‘sta paura del vuoto senza motivo mi girano e mi incazzo e mi irrito e divento di pessimo umore.
Appena arriviamo su, mi dice: prova a urlare, tanto non c’è nessuno intorno, vedrai che ti passa tutto. 
Un tantino perplessa, obbedisco e urlo.
Lui:più forte. 
E io urlo più forte.
Lui: ancora più forte.
E io urlo ancora più forte e urlo ancora più forte e urlo ancora più forte e urlo ancora più forte solo che poi ho dovuto smettere perché mi era finita la voce. 


sabato 10 dicembre 2011

Domanda per chi passa di qui


Ma quando commentate qui, vi appare il (credo che si chiami) "captcha", ossia  la finestra che ti chiede di inserire una parola / serie di caratteri prima di pubblicare il commento?

Se appare, qualcuno sa dirmi come si toglie?

Ringrazio in anticipo.
(e ringrazierò anche dopo)


domenica 4 dicembre 2011

Saturday night fever


Era da molto molto tempo (sì, anni e anni) che non capitava: uscire il sabato sera in perfetto stile milano by night. Anzi, in perfetta mancanza di stile milano by night.

Alle otto e mezza di sera il locale alla moda nuovo di zecca di cui ovviamente ignoravo l’esistenza era già affollato. Una marea di fanciulle e signore giovani e meno giovani, una ressa fatta di vestiti neri e stivali e gambe in mostra. I ragazzi e i signori giovani e meno giovani invece non so dire come fossero vestiti, a ben vedere non ho la più pallida idea di come fossero o non fossero. Sono tutti lì che parlano, non mi interessa sapere cosa dicono, forse ridono anche. Il tempo di bermi una birra (che va giù che è una meraviglia, visto il caldo che c'era in quel posto) e sono annoiata.

Poi c’è da andare a sentire quella band sconosciuta che suona jazz in quel postaccio anonimo e anche un po’ sfigato; ovviamente anche di quello ignoravo l'esistenza. Oh, ma la band non è poi così sconosciuta, il chitarrista è amico dell’amico dell’amico di; a me il fazz fa schifo ma soprassiedo; e il postaccio è davvero più squallido di quanto avessi immaginato.
Però ricordo uno per uno i visi delle persone che erano lì, a conferma del fatto che sono i posti più sfigati quelli in cui mi trovo meglio. E dove talvolta non mi annoio.


venerdì 2 dicembre 2011

sì sì, comprati

... i biglietti per il concertone di Bruce a san siro, che sarà fra sei mesi

(che quando è davvero necessario, riesco a programmare)