domenica 4 dicembre 2011

Saturday night fever


Era da molto molto tempo (sì, anni e anni) che non capitava: uscire il sabato sera in perfetto stile milano by night. Anzi, in perfetta mancanza di stile milano by night.

Alle otto e mezza di sera il locale alla moda nuovo di zecca di cui ovviamente ignoravo l’esistenza era già affollato. Una marea di fanciulle e signore giovani e meno giovani, una ressa fatta di vestiti neri e stivali e gambe in mostra. I ragazzi e i signori giovani e meno giovani invece non so dire come fossero vestiti, a ben vedere non ho la più pallida idea di come fossero o non fossero. Sono tutti lì che parlano, non mi interessa sapere cosa dicono, forse ridono anche. Il tempo di bermi una birra (che va giù che è una meraviglia, visto il caldo che c'era in quel posto) e sono annoiata.

Poi c’è da andare a sentire quella band sconosciuta che suona jazz in quel postaccio anonimo e anche un po’ sfigato; ovviamente anche di quello ignoravo l'esistenza. Oh, ma la band non è poi così sconosciuta, il chitarrista è amico dell’amico dell’amico di; a me il fazz fa schifo ma soprassiedo; e il postaccio è davvero più squallido di quanto avessi immaginato.
Però ricordo uno per uno i visi delle persone che erano lì, a conferma del fatto che sono i posti più sfigati quelli in cui mi trovo meglio. E dove talvolta non mi annoio.


27 commenti:

  1. ma poi hai notato quanti uomini ci sono in giro con la testa tutta rasata?

    RispondiElimina
  2. sì si, è vero, ce ne sono tanti. ma non so dire se è una cosa di questi ultimi tempi o se è da sempre così.

    RispondiElimina
  3. no, va di moda. se li rasano a zero pure quelli i capelli li hanno. Milano è una città che amo tantissimo e che spesso mi trovo a detestare. vuol dire che è a mia misura. diciamo che ci sono stati e ci sono periodi dove l'andare per locali giusti mi piace un casino ed altri dove vorrei essere un elicotterista di apocalypse now... it depends.... ma la cosa che mi colpisce è che quella gnocca a cui ti riferisci tromba spesso pochissimo....

    RispondiElimina
  4. Almeno nei locali sfigati non hai bisogno di vestirti in nero, con stivali e gambe in mostra e neanche devi far finta di divertirti.

    RispondiElimina
  5. franc, ma... come fai a sapere la frequenza del trombaggio della gnocca milanese?

    linda, ecco, hai centrato il punto: non devi far finta di divertirti!

    RispondiElimina
  6. Quindi, se ti piacciono i posti sfigati, nella mia cittadella ci staresti alla grande........

    RispondiElimina
  7. forse i posti "sfigati" sono ancora fonte di sorpresa mentre nei locali "giusti" è tutto così prevedibile, dai soggetti, all'abbigliamento, alle situazioni.... :-)

    RispondiElimina
  8. La comodità di Milano è che puoi trovare facilmente parcheggio... a 3 km dal posto dove devi andare!

    RispondiElimina
  9. Non è il posto, è la compagnia che rende una serata diversa dalle solite.

    RispondiElimina
  10. quoto il conte (ma che nick simpatico chai?) che mi fa venire in mente le volte che quasi quasi parcheggiavo a Lambrate per andare sui Navigli, e pure il topper che ha detto cosa stra saggerrrrima....

    ero in giro anch'io sabato sera. il locale non mi faceva impazzire, ma la compagnia è stata very molto carina.

    t.

    RispondiElimina
  11. I miei posti più cool sono il parco dove vado con il cane :)

    RispondiElimina
  12. una donna si vede in faccia se scopa o no.....

    RispondiElimina
  13. mass, so quale è la tua cittadella, potrei definirla in mille modo, ma non sfigata.

    lau, hai ragione, i locali "in" mangano di originalità.

    conte, a tre km se sei fortunato. e sorvoliamo sul tempo che ci metti a trovarlo, il parcheggio.

    topper, vero. talvolta anche "negativamente" diversa.

    RispondiElimina
  14. ten, magari ci siamo pure incrociati

    yet, per sbaglio, capitano.

    pyp, ecco, il problema è che milano non è cool :)

    franc, ok, non indago oltre, che è meglio

    RispondiElimina
  15. zia, non ho dubbi in merito

    RispondiElimina
  16. sono le poche opportunità della maturità....

    RispondiElimina
  17. Io non mi ricordo neanche più l'ultima volta che sono uscita per locali. E' non è per la pur veneranda età. E che sinceramente non mi sono mai piaciuti, non mi sono mai divertita.

    RispondiElimina
  18. bellissimo il tag adulti mai, anche perché mi immagino gli evergreen pateticamente in tiro per l'acchiappo e non oso pensare alla zoccolitudine delle sciure in alta uniforme.

    quando esco e se esco vado rigorosamente in posti dove a)si mangia bene e b)non c'è casino ed eventualmente c)qualcuno offre e/o paga

    e ovviamente solidarizzo con la tua noia e apprezzamento della birra.

    ciao isi

    RispondiElimina
  19. I posti alla moda sono così perché ci si va solo per farsi vedere. Dunque la noia è assicurata.
    Per contro i posti sfigati, proprio perché sono sfigati, sono quelli dove ci si trova a proprio agio.
    Complimenti per il post.

    RispondiElimina
  20. sì accade sempre anche a me di trovarmi meglio nei posti dove la gente ESPRIME qualcosina.. e nei posti che definisci "sfigati" accade, in quegli altri no..

    RispondiElimina
  21. c'è anche una certa retorica della sfiga. Esempio: il jazz è nata come musica degli sfigati, ed ancora oggi c'è gente famosissima e magari ricca che però ama suonare in posti piccoli e scomodi. Perchè lì c'è più spontaneità e l'atmosfera "giusta" per improvvisare.

    RispondiElimina
  22. ah non lo sapevo di questa "retorica"...anzi il jazz ora, nelle nostre città, è piuttosto "di nicchia"... direi comunque che gli sfigati si divertono, spesso, mentre i "fighetti" (azzardo un improbabile contrario) ce ne vuole perchè sentano qualcosa. colpa dell'aver troppo e con troppa facilità.


    nellabrezza

    RispondiElimina
  23. maude, elem, anche a me era da anni che non succedeva (vedi esordio del posto). non penserete mica che sono una habituée dei locali alla moda, vero?

    c13, il problema è che il punto c) sta diventando sempre più raro.

    new, nel/ele, ora che ci penso, nei posti alla moda la gente è finta, in quelli sfigati è spontanea.

    acrost, c'è anche un certo snobismo nella sfiga, ammettiamolo.

    ele/nel, non lo sapevo nemmeno io.

    RispondiElimina
  24. Sarà che a me il jazz piace da matti, ma, dovunque se ne possa ascoltare di fatto bene, per me non è un posto sfigato, fosse pure un garage di periferia.
    Lamps.
    A.

    RispondiElimina