venerdì 23 marzo 2012

a volte tornano


... se tu mi tempesti di messaggi in cui sostanzialmente mi chiedi di chiamarti e poi quando io finalmente chiamo tu mi tieni al telefono per venti interminabili minuti durante i quali parli straparli raccontandomi tutte le tue magagne e ti lamenti e ti lagni in ininterrotamente, mentre a me non concedi di dire una parola una, nemmeno un “sì” in risposta a una eventuale domanda retorica “tutto bene?”, perché tale domanda appunto non viene fatta... e se nei giorni successivi continui a tempestarmi di messaggi chiedendomi come mai non mi faccio più sentire... temo che il tuo problema sia ben più grave del pessimismo e dell’egocentrismo che avevo diagnosticato: proprio non capisci un fico secco.


(ps. cari blogger, lo so che ultimamente ho latitato. mi siete mancati, davvero)



16 commenti:

  1. certe consulenze della sfera intima è bene concederle solo a pagamento, perchè diventano più impegnative e desiderate dal paziente

    RispondiElimina
  2. sì sei latitata molto, al punto che ti ho pensata più volte dicendomi :"è un sacco che non scrive!"...dunque welcome back!

    RispondiElimina
  3. abbraccione enorme: mi è mancata molto la tua arguzia...

    e questo tizio (o tizia? mi sa che l'è n'ommmm) mandalo proprio a stendere.

    P.s.: il mio blog in questi gg ha il problema dei commenti (non si possono lasciare).

    t&t

    RispondiElimina
  4. era ora.
    cominciavo a pensare che ti fossi trasferita altrove!

    RispondiElimina
  5. direi che ti ha chiamato mia sorella
    non sapevo che vi conosceste
    bentornata tra noi

    RispondiElimina
  6. solipsismo telefonico! ;-)))

    RispondiElimina
  7. tale e quale a mio padre : telefonami, scrivimi, vienimi a trovare...

    poi quando lo sento manco mi chiede come sto. egoisti !

    RispondiElimina
  8. decisamente vada per il fico secco!

    RispondiElimina
  9. ..bisogna che lo reinserisca nel mio vocabolario...il fico secco...che ultimamente tendo più allo sproloquio...
    :-)

    RispondiElimina
  10. Due orecchie per udire e una bocca per parlare.
    La semplce artimetica dovrebbe essere a favore dell'ascolto ma leggo spesso di bipedi con comportamenti evacuativi come quello che hai descritto, Isi.

    Il silenzio e la ritirata è la miglior risposta.

    RispondiElimina
  11. Davvero a volte ritornano Eh no!
    notte!
    sara

    RispondiElimina